mercoledì 15 maggio 2013

Il termometro dei costi


Cliccare per ingrandire


Termometro dei costi sostenuti quotidianamente da ognuno di noi nell’anno sabbatico 2012-2013, durante il quale abbiamo raggiunto Singapore via terra,  spostandoci poi in India, Birmania, Australia e Indonesia. Sono esclusi i costi dei voli.

Si è speso il meno possibile senza limitarci sulle escursioni e le visite, cercando di dormire in una camera doppia con bagno e concedendoci almeno un pasto decente al giorno.

Per confronto, un ragazzo di 26 anni che abbiamo incontrato ha girato la Tailandia spendendo mediamente 15 euro al giorno, limitando tutte le spese e trovando sistemazione nei dormitori.
Quindi, alcuni di questi Paesi si possono visitare spendendo fino al 30% in meno di quello che abbiamo speso noi.

Più ci si sposta, più i costi salgono:
durante quest’anno abbiamo già percorso più di 50.000 km via terra, è chiaro che stando fermi in un posto le spese crollano.

Nei costi della Grecia ha inciso tantissimo la spesa dei traghetti per spostarsi da un’isola all’altra.


Paola e Ruggero

Nessun commento:

Posta un commento