martedì 21 maggio 2013

Lovina e le cene a base di pesce

[Indonesia]  Ci spostiamo nella località balneare di Lovina, sulla costa settentrionale. Qui le spiagge non sono un granché perché la sabbia vulcanica è nera o grigia, c’è comunque una bella atmosfera rilassata e il localino dove ogni sera ceniamo a base di pesce è notevole, vale la pena citarlo: Warung Ayo, jin. Mawar, vicino all’hotel Rini.

Lovina è una comoda base per le escursioni sulle montagne centrali, così abbiamo noleggiato una moto per girare in autonomia e godere dei paesaggi montani nei dintorni del Lago di Bratan, distante una quarantina di km. Passiamo davanti a numerosi templi piccoli e grandi, ognuno ha la sua festa almeno una volta in un anno balinese (210 giorni) e dal momento che quasi tutti i villaggi hanno almeno tre templi, come minimo ogni comunità ha cinque o sei feste l’anno.

Oggi assistiamo alle piccole e deliziose offerte portate dai fedeli al tempio Ulun Dani Bratan dedicato a Dewi Danu la dea delle acque. Questo importantissimo tempio sorge su alcuni isolotti completamente circondati dal lago e qui si svolgono pellegrinaggi e cerimonie per propiziare l’acqua necessaria alle attività agricole di tutta Bali. Nei cesti offerti alla dea, oltre a frutta e denaro, ci sono anche papere e galletti.

Riprendiamo la moto e ci rimettiamo in strada passando tra mercati di frutta che vendono prevalentemente le deliziose e dolcissime fragole coltivate sul posto. Arriviamo al villaggio di Jatiluwith che significa ‘veramente meraviglioso’, dove lo sguardo si perde sulle risaie terrazzate vecchie di secoli, così verdi e lussureggianti che è impossibile descriverle a parole. Sono entrate a far parte dei siti dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO e se ne capisce il motivo ammirando il panorama lungo la strada stretta e tortuosa, oppure passeggiandoci dentro, seguendo i corsi d’acqua e le canalizzazioni di bambù che si susseguono da un campo all’altro. Il verde è quasi accecante.

Prima di tornare a Lovina ci prendiamo un succo alle fragole e un pancake sempre alle fragole. Zigzaghiamo con la nostra moto lungo la serpentina che scende repentinamente dalla montagna e ci riporta sulla costa. Seduti sotto la statua del delfino ci vediamo l’ultimo tramonto sul mare di Bali e, mentre Venere e Giove si accendono all’orizzonte, ci chiediamo come mai sia a Kuta, che si trova a sud dell’isola, che qui a Lovina, che si trova a nord, il sole tramonta sempre sull’acqua. Misteri dei tropici. Domani si parte per l’isola di Giava, dove ci aspettano i vulcani da scalare.

Il tempio della dea Dewi Danu, sul lago di Bratan
Cerimonie nei templi
Le risaie di Jatiluwith, dichiarate Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO
...le banane erano un'offerta speciale
Anche a Lovina, il tramonto è sul mare

Nessun commento:

Posta un commento