lunedì 10 dicembre 2012

Due rane e un toro

Oggi una storia,
una delle tante che Valentino ha scritto per i ragazzi.

[…] “Ricordati che il coraggioso affronta la paura e perciò la controlla. Il vigliacco, invece, la reprime e quindi viene dominato da essa”. Ti racconto questa storia:

Le due rane
Un giorno un contadino stava portando due secchi di latte al mercato.
Lasciò i due secchi incustoditi per qualche tempo, perché doveva sbrigare alcune faccende.
Un monello passò di lì, vide i due secchi e pensò di fare uno scherzo al contadino.
Catturò due grosse rane e le buttò dentro i secchi, chiudendoli poi con il coperchio.
Il contadino, ignaro dello scherzo, portò il latte al mercato. Quando arrivò, sollevò il coperchio del primo secchio e fu sorpreso nel vedere una grossa rana saltare fuori.
Alzò il coperchio del secondo secchio, e trovò una grossa rana morta.
Che cosa era accaduto?
La seconda rana aveva pensato:
“Mi trovo in una situazione molto critica. Il coperchio è pesante e non posso certo rimuoverlo. Non mi resta che morire”. E si lasciò morire. La prima rana, una volta intrappolata dentro al secchio, aveva pensato:
“Bene, ora mi trovo in una situazione molto difficile. Non ho la forza di alzare il coperchio, ma il buon Dio mi ha dato la capacità di nuotare ed è proprio quello che farò.”
Nuotò e nuotò e nuotò…finchè il latte non diventò burro e così potè salvare la sua vita.

Dal libro “Il coniglio saggio” di Valentino Giacomin, Sarnath, India

...e cosa c'entra il toro?...niente ha solo delle gambe storte (come i calciatori).

Nessun commento:

Posta un commento