lunedì 17 dicembre 2012

Tagliatelle alla carbonara

[India]  Ultima domenica in città. Sta per finire il nostro impegno alla scuola e dobbiamo vedere ancora molte cose, ci siamo così riproposti di partire presto e andare lungo i ghat, verso sud, per vedere la famosa Università di Benares, che dista circa sei km.

Peccato che io mi sia svegliato con sensi di vomito, giramenti di testa e per fortuna solo qualche linea di febbre. La causa la conosco, ne son quasi sicuro: le tagliatelle alla carbonara di ieri sera! So che qualcuno dirà che me la sono cercata, che ci vuole coraggio per mangiare questo piatto in India. E’ vero. Ma dopo due mesi di thali e chiapati uno non ne può più. E poi la moglie del gestore è italiana e le tagliatelle, come gli gnocchi, sono fatti a mano, come una volta. Buonissimi. Per la cronaca il ristorante si chiama Karki’s e si trova all’Assi Ghat.

Nel pomeriggio sto meglio e partiamo, un po’ a piedi e un po’ con il ciclo risciò. Il risciowallah è anziano, lentissimo, e fa tanta fatica a pedalare, ci superano tutti. A piedi avremmo fatto prima. Ma che fare, ormai siamo qui e anche quest’uomo ha bisogno di mangiare, d’altronde non abbiamo fretta. Sappiamo benissimo che i ciclo risciò condotti da anziani sono più lenti, li evitiamo se abbiamo fretta, ma quando ti guardano con gli occhi fissi e scavati chiedendoti di scegliere loro e non altri, fai fatica a dire di no, anche se sai che pregherai per tutta la strada che non gli venga un infarto proprio mentre ci sei tu sopra e che chiederai di scendere un po’ prima, per risparmiargli l’ultima fatica.

La prestigiosa Università di Benares, che risale al 1916, è proprio bella, un’enorme campus fatto a raggiera con bellissimi viali alberati. C’è un’atmosfera di pace e tranquillità che pare lontanissima dalla caotica città che la circonda. Le facoltà (i dipartimenti li chiamano, come da noi) si susseguono numerose e tutte con grandi appezzamenti di verde intorno, mi colpiscono quella di giornalismo e comunicazione mediatica, quella del cinema e quella per il monitoraggio sull’efficacia dell’istruzione pubblica nello stato dell’Uttar Pradesh.

Al centro si trova il tempio induista di New Vishwanath, uno dei pochi della città ad essere aperto a tutti e, intorno, oltre ai soliti negozi di souvenir, ci sono tutti i servizi che servono agli studenti: librerie, ristorantini, copisterie, ecc. Il bel museo Bharat Kala Bhavan, con collezioni di sculture, miniature scolpite e manoscritti in foglie di palma del XII secolo, si trova invece nascosto tra i campus.
Torniamo all’Assi ghat con il solito ciclo risciò, ma questa volta scegliamo un giovane, nemmeno diciott’anni, che sfreccia come un bolide da formula uno, roba da tenersi al calessino con entrambe le mani. Evita pure le buche, ma con delle virate che rischia di far “scalessare” noi.

Non sto ancora bene di stomaco, ma ogni volta che passiamo per l’Assi ghat non si può evitare la visita alla pizzeria Vaatika, un’istituzione della città, oltre che per l’ottima pizzeria con forno a legna, forse l'unica di tutto lo stato, famosa anche per la fantastica torta di mele con il gelato sopra. L’unico dolce che abbiamo mangiato a Varanasi.

Ruggero spiega ai ragazzi perchè non si cade quando si va in bicicletta. La ruota l' ha comprata al mercato e ha fatto saldare le maniglie
Il mercato dei fiori di Varanasi
Con il freddo di questi giorni nei villaggi muoiono molte persone. Le salme vengono portate  in città con le jeep

2 commenti:

  1. ciao ragazzi!
    un'amica mi ha suggerito questo articolo
    magari vi interessa..

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/12/18/fare-maestro-in-india-storia-di-valentino-giacomin/449155/

    ciao ciao ciao!
    susanna

    RispondiElimina
  2. ciao!
    poco fa vi ho inviato un commento con un articolo. l'avevo visto e subito sono venuta nel vostro blog a inviarvelo.
    in questi giorni non ho molto tempo e nel non tempo perdo delle cose, tipo i vostri blog, l'aggiornamento. mi accorgo ora, che avete pubblicato l'articolo alcuni giorni fa.
    scusatemi..
    ma l'entusiasmo di un articolo e di voi lì, proprio lì, non mi ha fatto aspettare e leggere e solo dopo, inviarvi quanto avrei voluto.

    non dev'essere facile, lasciare quei luoghi, dopo due mesi..
    no, non dev'esserlo proprio.

    comunque sia e dovunque vada, è sempre un buon viaggio il mio, a voi.

    ciao
    susanna

    RispondiElimina