domenica 22 luglio 2012

Cappadocia


Ieri sera…
Partiamo da Kusadasi dopo aver fatto una piccola scorta di cibo. L’autobus è comodo, gli mancano solo le ali per essere un piccolo aereo: aria condizionata, monitor su ogni sedile per vedere film e ascoltare musica; lo stuart con il suo papillon cammina avanti e indietro distribuendo gratuitamente bibite e biscotti. Durante la notte facciamo più di uno stop in stazioni che sembrano aeroporti o in altre con così tante luci colorate che ti sembra di entrare al Luna Park. In mezzo a tanto cibo e fiumi di tè, la gente cammina tra le valigie e la notte. Ci sono posti liberi sul bus, mi sistemo su due sedili. Vorrei essere un metro e venti ma mi avanza un pezzo; mi giro e rigiro, imploro Ataturk l’eroe nazionale turco, poi abbraccio il mio sedile… divento piccola, sempre più piccola, il movimento mi culla e un cigolio diventa la mia ninna nanna. Mi addormento, quando mi sveglio il sole è già alto e siamo ad Askaray. Magia è fatta.


    Il canyon di Ihlara, una camminata lunga 14 km

Oggi…
Arrivati a Ilhara ci sistemiamo nell’hotel del piccolo paese. Una doccia per lavare via la notte in bus e partiamo subito per la passeggiata all’interno della famosa valle. Seguiamo il fiume per 14 km in un canyon profondo e pieno di vegetazione. Una lunga oasi con diversi tipi di alberi da frutto:  albicocche, susine, mele, ma soprattutto more di gelso, bianche e dolcissime, che non avevo mai mangiato e nemmeno sapevo esistessero. Ci siamo abbuffati. Sulle pareti del canyon visitiamo resti di vecchie chiese bizantine scavate nella roccia. Dopo 6 ore siamo di ritorno. Cerchiamo un posto per bere qualcosa ma notiamo che i bar della piazza sono pieni di uomini che non bevono niente: è il Ramadan. Andiamo nella nostra stanza.  

    L'interno di una chiesa bizantina lungo il canyon

    La siesta del mandriano mentre le mucche sono al pascolo...e il caffè si raffredda

2 commenti:

  1. Che luogo magico la Cappadocia...
    ciao, Cri

    RispondiElimina
  2. Grazie Paola , è bellissimo leggere i tuoi racconti. Have good time . Carlo

    RispondiElimina