sabato 21 luglio 2012

Che bello, stanotte dormiamo in bus


Dopo un’ora e mezza di navigazione siamo entrati in Turchia, a Kusadasi, vicino alla città romana di Efeso, uno dei migliori posti al mondo per farsi un’idea di come vivevano gli antichi romani. Saltiamo la visita a questo sito, ce lo ricordiamo molto bene da un viaggio precedente. Per lo stesso motivo non andiamo alle fantastiche piscine di travertino di Pamukkale e alla città di Konya, patria dei dervisci rotanti. Puntiamo invece sulla Cappadocia, per starci qualche giorno. Questa sera prendiamo un bus e ci passeremo la notte…che divertimento!

Foto dei luoghi da non perdere fatte nel viaggio precedente:

 Efeso ha delle rovine di marmo ben conservate tra cui il Gran Teatro che poteva ospitare 25.000 persone e la bellissima Biblioteca di Celso che contava 12.000 rotoli disposti nelle nicchie delle pareti. 


 Le bianche e splendenti formazioni calcaree (vasche di travertino) di Pamukkale. Sopra si trova la necropoli di Hierapolis dove morivano  le persone che venivano a  curarsi in questa città termale.  


Ancora da non perdere in questo tragitto verso la Cappadocia, è la città di Konya per il Museo Mevlana santuario di uno dei più grandi filosofi e mistici del mondo e patria dei dervisci rotanti. Una particolare arte di comunicare con il divino attraverso la danza.

1 commento:

  1. Ciao Paola e Ruggero , buona dormita in bus :-) un abbraccio
    Carlo

    RispondiElimina