mercoledì 18 luglio 2012

dall'isola di Syros e ricordi di Mykonos


Questa mattina ci siamo svegliati alle 9, se non fosse per la zanzara che ci ronzava attorno, saremmo ancora lì. Guardiamo il blu dalla nostra terrazza senza riuscire a staccare lo sguardo dalle onde che vanno verso l’infinito. Prendiamo la moto per un ultimo giro sull’isola. Mi piace il colore arido e spoglio di Mykonos, così come le sue spiagge, nella maggior parte dei casi strisce di sabbia dorata situate in punti davvero belli. Il centro è un insieme di strette viuzze di ciottoli dipinti di bianco con case cubiche dai muri imbiancati a calce. I fiori accendono di colori ogni angolo, nella parte alta del porto i mulini sembrano quasi dei fari. Il vecchio quartiere è chiamato Piccola Venezia come la mia città, che nel mio cuore, però, resta unica e la più bella del mondo.

La proprietaria della casa ci saluta con dei dolcetti e con il suo sorriso sempre presente. La nave nel pomeriggio ci porta all’isola di Syros, capitale delle Isole Cicladi dove, come a Mykonos, tira un forte vento: il meltemi (vento di nord-est) che non ha nulla da invidiare alla nostra bora. Da qui partiremo alle 23 per fare un’ennesima notte in mare e arrivare all’isola di Samos, vicina alla Turchia.

Mi sento turista da crociera: di giorno si visita, di notte si naviga per raggiungere una nuova destinazione. A dire il vero, quando è l’ora di dormire, e mi sistemo in un angolo con la mia stuoia  di gomma, mi sento molto più una clandestina. Ma intanto la nave va.

In realtà abbiamo dovuto prendere due poltrone invece del semplice passaggio ponte, perché i 1.000 posti erano esauriti! Dormiremo comunque per terra…molto più comodo (la stuoia della Decatlon da 5 euro è stata utilissima).

In questo momento siamo seduti sulla scalinata della piazza di Syros, vicino a noi un ragazzo fa da sfondo con la sua chitarra. Spediamo il post con il wireless pubblico.


    Mykonos e le sue chiese bianche

    Mykonos...il suo mare blu

 Mykonos, ...e sulle spiaggie tanta musica già dal pomeriggio... sempre dal Super Paradise Beach






Nessun commento:

Posta un commento