lunedì 16 luglio 2012

Mykonos


Alle 2 di notte scendiamo dalla nave, la stazione degli autobus è a 5 km. Prendiamo un taxi che dividiamo, indovina con chi? C’erano migliaia di persone sulla nave eppure…con la tipa che ha scambiato il mio zaino, com’è piccolo il mondo!
Ci sono gli ultimi posti disponibili, comperati i biglietti il bus parte per il Pireo. Dopo di noi salgono due coreani e non hanno posto a sedere. E’ andata proprio bene.  Una corsa in taxi e siamo al porto, prendiamo i  biglietti per Mykonos. Alle 7.30 si riparte in nave, il bus è stato una pausa.
Siamo sufficientemente sporchi e rincoglioniti, io non sopporto il caldo. I primi passeggeri scendono a Syros, poi altri a Tinos. Ora ci sono posti liberi e ci sistemiamo nella zona poltrona con aria condizionata. 

                                         Syros

All’arrivo a Mykonos ci sono affittacamere che propongono alloggio sia in centro che fuori e con differenti prezzi… molto meno di quanto dice la Lonely Planet. Scegliamo una stanza con bagno un po’ fuori dal centro, ha una bella terrazza che si affaccia sul mare. Dopo una grande doccia andiamo alla scoperta dell’isola. Prendiamo a noleggio una moto e facciamo un giro verso l’interno per poi scendere verso le spiagge. La Super Paradise ha una bella baia e nel tardo pomeriggio la gente si scatena a ritmo di musica (vedi foto). E tra i scatenati c’erano tre del mio paese tanto per ribadire che i Chioggiotti li trovi ovunque.

                                         Spiaggia Super Paradise

Ceniamo sul ristorante della piazza sotto i caratteristici mulini a vento che costituiscono una delle immagini più famose dell’isola. Da quanti giorni non facevamo una cena? E stasera abbiamo pure un letto.  

                                          Mykonos

Nessun commento:

Posta un commento