lunedì 20 agosto 2012

Due posti in coupè


[Uzbekistan]  Stasera è comparso un primo sottilissimo spicchio di luna, ad ovest, subito dopo il tramonto… chissà se lo vedete anche voi. Cambiano i posti, ma i cieli sono sempre pieni di fascino.Riflettevamo sul fatto che, in oltre un mese di viaggio, abbiamo sempre trovato cieli senza nubi, a parte un temporale serale in Turchia e lo smog di Teheran. E’ il bello del viaggiare d’estate.

Bukhara è un’oasi in tutti i sensi. E’ in mezzo al deserto di Kyzylkum, che la circonda completamente, ma è anche un’oasi di tranquillità. Tutti quelli che fanno la grande traversata dall’Europa all’Asia con le auto, le moto, le bici, oppure con  i mezzi di fortuna, come noi, si fermano in questa città parecchi giorni. Qui si ritrova un po’ della cordialità iraniana, si possono riparare i mezzi e riprendere contatti con il mondo attraverso internet o il telefono, il tutto all’ombra di madressa, cupole e minareti. Quasi tutti i ristoranti hanno inoltre dei piatti vegetariani e questo è un sollievo, Paola non mangia carne e nei paesi arabi quasi tutti i piatti la contengono.

Stamane ci siamo alzati presto per cogliere i colori vivaci del mattino: di giorno il sole sbianca troppo le immagini e il tramonto è spesso così carico di umidità da essere troppo “rosso”.  E poi fa fresco, di pomeriggio è quasi impossibile girare con le solite temperature intorno ai 45 gradi.

Siamo riusciti, al terzo tentativo, a prendere il biglietto del treno di ritorno da Khiva, per giovedì alle 16, con arrivo a Samarcanda nel primo mattino di venerdì. Non potevamo rischiare che si riempisse e dover ritornare in taxi! Abbiamo due cuccette “cupè”, ma non sappiamo cosa siano, sarà una sorpresa. Speriamo invece che ci sia il vagone ristorante, ha il suo fascino cenare in treno.

Domani mattina si parte per Khiva, 500 km e 8 ore di viaggio, si è sparsa la voce che andiamo in taxi e son già comparsi i primi “driver” per le trattative. Il costo dovrebbe essere di 25$ per persona, ma han cominciato chiedendo 50$, sono scesi a 35…vediamo se la notte porta consiglio…

Bukhara: il piccolo ma 'fotogenico' minareto Char Minar, in stile quasi indiano.
Era il corpo di guardia di una medressa costruita nel 1807 

Bukhara: la medressa di Kukeldash del 1569,
era la più grande scuola islamica dell'Asia

Bukhara: vista sulla medressa Mir-i-Arab 
del XVI secolo,attiva ancora oggi

Bukhara: il minareto e la moschea Kalon,
il minareto è alto 47 metri e ha 880 anni

3 commenti:

  1. oh è "finito" il vostro racconto. mi piaceva leggervi. vi aspetterò.


    ma il fotografo chi è? complimenti alle foto ("arrivate", sentite) e a bukhara. davvero bella.

    e sempre, e ancora
    buon viaggio

    susanna

    RispondiElimina
  2. le foto le scattiamo tutti e due ognuno con la sua macchina fotografica
    Ruggero fa scatti a raffica poi io faccio la prima selezione e insieme decidiamo quale mettere sul blog

    nello scrivere cerchiamo di limitarci per non essere noiosi e non è sempre facile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per quel che mi riguarda non mi sono mai, mai annoiata nel leggere i vostri racconti.

      susanna

      Elimina